L’Atteggiamento Mentale Positivo influenza il comportamento nella situazione in cui siamo la disposizione mentale che influenza il risultato

L’Atteggiamento Mentale Positivo deve essere il nostro modo di comportarci in una determinata situazione, è una sorta di disposizione mentale, di stato d’animo, di sentimento.
Il nostro atteggiamento influisce e condiziona il risultato che otterremo, cioè, influenza la relazione che si crea fra noi e l’altro, condizionando il risultato al punto da determinare l’entità del successo.
L’atteggiamento che abbiamo nella relazione è molto importante.
Il nostro atteggiamento è influenzato da molteplici fattori: l’umore, la nostra percezione dell’altro, i ruoli, la nostra esperienza, sia essa negativa o positiva.
Ogni situazione simile a quella in cui dobbiamo entrare, cioè, che somigli a una situazione o a una dinamica nella quale ci siamo già trovati altre volte, in funzione del risultato (positivo o negativo) ottenuto in passato condiziona la nostra percezione della dinamica o della situazione in cui ci troviamo.
Se l’esperienza che paragoniamo a quella nuova che dobbiamo fare, o meglio il contesto nel quale ci troviamo, è una esperienza negativa, il nostro atteggiamento ne sarà influenzato pesantemente.
Possiamo influenzare quindi il nostro Atteggiamento mentale e farlo passare da Negativo a Atteggiamento Mentale Positivo?
La risposta è chiaramente SI.
Per fare questo dobbiamo:
Analizzare l’esperienza negativa ed individuare quegli aspetti del nostro agire che possiamo migliorare;
Valutare in che modo si può migliorare;
Attuare il cambiamento.

Questo presuppone una buona dose di autocritica. Ma come possiamo aiutarci per fare autocritica?
Prima di tutto dobbiamo dividere in fasi l’episodio, poi passiamo ad analizzare per ogni fase le dinamiche che si sono verificate e per ognuna di queste ci poniamo la domanda:
“cosa c’è di buono in questo?”
La conseguenza è aver individuato gli aspetti che si ritiene di dover migliorare, procedendo nello stesso modo per ogni fase dell’episodio analizzato.

A questo punto si dovrà attuare il cambiamento degli aspetti individuati come ambito di miglioramento.
La PNL ci mette a disposizione alcune strategie che ci permettono di migliorare velocemente il nostro stato d’animo, portandolo da uno stato Down ad uno stato Up, cioè da uno “stato di disagio”, nel quale ci si sente inadeguati, ad uno “stato di alta performance” in cui si ha il giusto atteggiamento verso ciò che si deve fare.
La PNL afferma che: “l’essere umano è quello che è a causa di ciò che crede, non di ciò che sa. Di ciò che crede inconsciamente, non consciamente. Perciò non basta dire di voler cambiare il modo di agire, perché se non si cambiano le convinzioni, il modo di agire rimarrà sempre lo stesso. Tutto si basa su ciò che si crede.”
Una buona comunicazione quindi favorisce una buona relazione.
Per comunicare in maniera efficace, dobbiamo passare:
dall’atteggiamento del guardare a quello dell’osservare;
dall’atteggiamento del sentire a quello dell’ascoltare.

Osservare e ascoltare sono caratterizzati da un livello di attenzione e concentrazione molto alta, osservare e ascoltare vuol dire cogliere particolari, dettagli, vuol dire che non ci si limita ad un livello superficiale ma si va ad un livello di approfondimento maggiore; è un vero e proprio atteggiamento attivo volto a cogliere l’essenza dei contenuti, del significato di ogni cosa, delle motivazioni che portano all’azione, del “che cosa muove l’altro”.

Scarica le nostre guide dalla sezione pubblicazioni

 

altri articoli nella categoria